Festival Smart Cityness_ Cagliari, 17 e 18 settembre
Evento legato ai temi dell’innovazione nei territori e della collaborazione locale

L’Associazione Urban Center presenta la terza edizione di Smart Cityness, il festival dell’innovazione nei territori e della collaborazione locale che, dopo l’edizione 2015 svoltasi nei locali dell’ex Vetreria di Pirri, ritorna tra le mura della città di Cagliari, in pieno centro storico nel quartiere di Castello, al Ghetto degli Ebrei in via Santa Croce n. 18, nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 settembre.

Il Progetto
Smart Cityness è un progetto che nasce per promuovere le innovazioni, i progetti e le sperimentazioni virtuose dei territori della Sardegna, con l’obiettivo di creare incontro e interazione tra diversi attori e comparti e di generare sviluppo locale su basi identitarie e di autenticità, creando, al contempo, capitale sociale tra attori territoriali.
Smart Cityness è un festival per i cittadini, per le imprese, per il no profit e per le istituzioni. Tutti sono chiamati ad essere protagonisti per conoscere, per promuoversi e per creare nuove collaborazioni. L’invito alla partecipazione è esteso anche a tutti gli amministratori locali, per approfondire e dibattere le tematiche e le strategie sullo sviluppo locale. Tutto ciò avverrà attraverso il coinvolgimento, in momenti laboratoriali e conferenziali, di coloro che animano e danno vita ai territori dell’isola, ovvero operatori del settore, istituzioni, imprenditori e semplici cittadini, per sviluppare una duratur sinergia all’interno dei territori della Sardegna e per promuovere la cultura della collaborazine.
Le conferenze
La programmazione della due giorni di Smart Cityness si articolarerà in due distinrte sessioni: una mattuttina, durante la quale si terranno i Forum dell’Innovazione all’interno dei quali una selezione di imprese, istituzioni, ricercatori e realtà del non profit presenteranno in pochi minuti i propri progetti; e una serale con i Focus tematici dedicati a due delle principali direttrici di sviluppo economico della nostra Regione: l’agroalimentare ed enogastronomia; la cultura e la creatività.
I temi che verranno trattati all’interno dei forum delle mattine riguarderanno:
-    Sabato 17 ore 10.00: Forum sui Territori Intelligenti, in cui saranno protagonisti sul palco le migliori soluzioni in materia di energia, mobilità, open data, smart community;
-    Domenica 18 ore 10.30: Forum dei Territori Collaborativi che vedrà susseguire le presentazioni delle migliori soluzioni in materia di smart community, rigenerazione urbana, sharing economy e modelli collaborativi, progetti in rete.
Le mattinate di Smart Cityness animeranno gli spazi della Sala delle Mura del Ghetto fino alle 13.30.
A partire dalla ore 16.00 riprenderanno le attività del Festival, con l’approfondimento di temi di interesse strategico per lo sviluppo socioeconomico dei territori. I Focus saranno volti a promuovere conoscenza e a creare interazione tra i protagonisti:
-    Sabato 17 ore 17.00: Buoni e crudi: formaggi e birre artigianali in Sardegna che, con il coordinamento dell’antropologa culturale Alessandra Guigoni, vedrà coinvolti rappresentanti del mondo della ricerca e dell’impresa che stanno sviluppando progetti e processi innovativi e di valore in ambito agroalimentare ed enogastronomico.
-    Domenica 18 ore 17.00: Cultura e creatività per lo sviluppo dei territori, la conferenza internazionale presenterà alcune realtà del panorama locale che si confronteranno con il nostro ospite Mehdi Ben Cheikh, artista e noto gallerista franco-tunisino, che racconterà i due importanti progetti di gallerie d’arte a cielo aperto a Parigi e sull’isola di Djerba.

I laboratori
Fin dalla sua prima edizione, Smart Cityness ha dato centralità ai momenti laboratoriali e ai workshop che hanno l’obiettivo di creare incontro, conoscenza e sinergia tra attori locali, appartenenti sia alla sfera pubblica che a quella privata. All’interno dei laboratori di Smart Cityness verranno sviluppate pratiche collaborative e di generazione di output di utiità collettiva, grazie all’interazione di cittadini, istituzioni ed attori del territorio in processi ideativi e di networking.
Coinvolte nell’organizzazione, nella cura e nella gestione dei laboratori alcune tra le realtà più innovative del panorama Regionale: Open Hub e Propositivo, CoderDojo Quartu e Cagliari Incompiuta, passando per lo start up Nordai.
All’interno di Smart Cityness troverà spazio anche Hackathon ColLABora, nato grazie alla collaborazione tra Need for Nerd e il Contamination Lab dell’Università degli Studi di Cagliari: i partecipanti, scelti tra gli studenti del Clab, lavoreranno in team all’ideazione e progettazione di prototipi di app per la promozione delle imprese dei comparti dell’artigianato artistico e dell’enogastronomico.
Completano il programma dei laboratori di Smart Cityness:
-    Itinerari di unicità: curato da Nordai che vedrà coinvolti i cittadini e studenti universitari dell’ateneo cagliaritano interessati ad apprendere nozioni e capacità nella creazione di mappe informative territoriali;
-    Smart Community e Rigenerazione Territoriale: curato da Urban Center in collaborazione con Propositivo e Open Hub in cui le imprese innovative, le associazioni e le realtà che sviluppano modelli di business o progetti sociali e culturali che fondano sull’intelligenza connettiva, attraverso la condivisione di contenuti, conoscenze, progettualità, forme e modi propri del nuovo agire sociale.
-    Il Laboratorio di Creatività Informatica: a cura di CoderDojo Quartu coinvolgerà bambini che frequentano le scuole elementari e sarà volto a formarli all’informatica, al pensiero computazionale ed al coding attraverso strumenti semplici, divertenti e facilmente accessibili.
-    Il Laboratorio di Sviluppo Territoriale: curato da Urban Center in partnership con Open Hub il laboratorio vedrà coinvolti i rappresentanti del GAL della Sardegna, ricercatori dell’Università di Cagliari, rappresentanti del Centro Regionale di Programmazione e dell’Agenzia Laore della Regione Sardegna;
-    Città (in)compiuta: a cura di Cagliari Incompiuta, avrà l’obiettivo di mappare gli immobili abbandonati e gli spazi chiusi che potrebbero essere valorizzati approfondendo inoltre le nuove forme di informazione e comunicazione.

L’Expo
L’area expo di Smart Cityness presenta profonde novità riguardanti la selezione delle realtà partecipanti. Per la terza edizione la scelta si è orientata verso le realtà che promuovono politiche di sviluppo locale, come i GAL (Gruppi di Azione Locale), o progetti di impresa che nascono su unicità ed eccellenza.
Più di venti realtà rappresentanti il comparto agroalimentare ed enogastronomico, dell’innovazione tecnologica e sociale e dell’artigianato artistico si presenteranno al pubblico dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00 nei locali del Ghetto degli Ebrei. Novità di quest’anno è un’area espositiva fortemente connessa con le aree laboratoriali, per creare contaminazioni e favorire la maggiore interazione possibile.

Arte e “hOMe”
L’arte, pilastro di tanti progetti Urban Center, avrà anche quest’anno un ruolo da primo piano all’interno del festival. I locali del Ghetto degli Ebrei ospiteranno le opere di artisti locali ed i prodotti realizzati all’interno di “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani, designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.
Smart Cityness, che segnerà la conclusione del periodo di sperimentazione dello spazio di viale Elmas 33 nato grazie all’incontro tra Urban Center e FinSardegna, sarà anche il momento in cui verranno presentati i lavori realizzati all’interno dell’ex capannone industriale OM.

La chiusura di ogni serata del festival sarà all’insegna della convivialità, con l’opportunità di creare nuovi momenti di confronto e scambio di idee tra pubblico, partecipanti ai laboratori, espositori e relatori delle conferenze, accompagnati dai sapori del nostro territorio e dalla musica di giovani promesse locali sulla terrazza del Ghetto degli Ebrei, con il suggestivo sfondo notturno del panorama della città di Cagliari.

Smart Cityness è realizzato con il patrocinio di: Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Autonoma della sardegna, Sardegna Turismo, Comune di Cagliari, Fondazione di Sardegna, Università degli Studi di Cagliari.

Partner della terza edizione di Smart Cityness: Fondazione di Sardegna, FinSardegna, Nordai, Need for Nerd, Contamination Lab Cagliari, Propositivo, Open Hub, CoderDojo Quartu, Cagliari Incompiuta.

Media partner: Sardinia Post, Sardinia Innovation, Radio X

Per maggiori informazioni su Smart Cityness

Sito web: www.smartcityness.it
Twitter: @SmartCityness
Instagram: @SmartCityness
Hashtag ufficiale della maniffestazione: #SmartCityness

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo l'utente accetta l'uso dei cookies sul dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra pagina dedicata alla privacy policy.

  Accetto i cookies per questo sito.
EU Cookie Directive Module Information