Dall' 8 al 18 settembre il XXXIII Festival  Voci d’Europa

Il Festival Internazionale di Musiche Polifoniche “Voci d’Europa è nato nel 1979 per festeggiare i primi vent’anni di vita del Coro Polifonico Turritano. Da allora il Festival Voci d’Europa ha avuto l’onore ed il piacere di ospitare numerosi cori tra i più prestigiosi nel panorama della coralità internazionale, oltre che musicisti di grande fama.
Tra le peculiarità del festival, che lo differenziano da molti altri, vi è la scelta artistica di indicare ad ogni edizione una traccia tematica differente, che dia modo di approfondire un momento specifico della storia della musica corale e l’organizzazione di una serie di concerti in varie località della Sardegna, in modo da far apprezzare ai cori ospiti le bellezze dell’isola e l’ospitalità della gente sarda, oltre a dar modo ad un più ampio ventaglio di pubblico di poter assistere alle performances vocali di ensemble di alto livello artistico.
Tra i successi raggiunti dal festival, oltre ad aver proposto la partecipazione di oltre 120 cori europei, la maggioranza dei quali vincitori di concorsi internazionali, va sicuramente ricordato il prestigioso riconoscimento dell’Unione Europea che nel 2002 ha inserito “Voci d’Europa” tra i progetti finanziati dal logo Education et Culture nell’ambito del programma Culture 2000, prima manifestazione in Sardegna ad ottenere tale successo.

Il Festival Internazionale di Musiche Polifoniche “Voci d’Europa” presenta per questa XXXIII edizione il tema “Radici e futuro: la musica corale nella tradizione compositiva europea e nella polifonia contemporanea d’ispirazione popolare” col quale si propone di valorizzare il patrimonio musicale e culturale del proprio Paese d’origine. Il percorso scelto per questo progetto prevede principalmente due vie: l’esecuzione di brani tratti dal repertorio popolare, riscritti e arrangiati in base a forme ed elementi compositivi della scrittura musicale contemporanea e l’esecuzione di musiche composte da autori conterranei, siano essi ispirati alla tradizione o alla letteratura musicale polifonica in genere.
L’intento è quello mettere in luce il grande lavoro di sostegno e di divulgazione, che muove, a livello europeo, le forze culturali di ogni Nazione e che alimenta sempre più il confronto e le occasioni di scambio di culture lontane e apparentemente diverse. Un’origine nobile, basti pensare all’opera didattico-compositiva di Z. Kodály in Ungheria (Cfr. Pier Paolo Scattolin, Un secolo di canto popolare, Choraliter n.33, Settembre-Dicembre 2010), che ancora oggi trova sbocco e possibilità di crescita nella musica corale: quella antica, della tradizione, legata alle radici di ognuno di noi e quella attuale, espressione di Paesi che hanno voglia di mostrare la loro vitalità artistica tramite i propri autori e che perciò guarda al futuro; l’incontro di questi due elementi permette di «riassaporare le genuine melodie di una volta oscurate dalla patina del tempo» (Guido Messore, Dal canto popolare alla polifonia contemporanea, Comunicato stampa, 12. 09. 2009) e di conoscere maggiormente i nuovi linguaggi musicali, caratterizzati spesso da sperimentazioni sul suono e sulla timbrica, sull’introduzione di onomatopee, di fonemi e suoni non intonati.
Due i gruppi stranieri ospiti, di elevato valore artistico e vocale, geograficamente lontani ma vicini nell’appartenenza a regioni di minoranza culturale: il Grupo Vocal KEA, un ensemble di dodici voci miste provenenti dai Paesi Baschi, che propone un articolato connubio tra sonorità basche e componenti timbriche e fonemiche d’avanguardia e il Vokalna Skupina Vikra, coro a voci pari femminile, che ha elaborato un’interessante traccia alla scoperta della storia slovena in relazione con altre nazioni. La seconda tranche del Festival darà spazio invece a due realtà corali italiane: il coro giovanile Effetti sonori presenta un programma fresco e coinvolgente, ancora una volta tra passato e futuro, e il Coro da Camera del Conservatorio “L. Canepa” di Sassari, nato nell’ambito dell’istituzionalità del Conservatorio e che propone perciò un repertorio contemporaneo che va ad esplorare sonorità e stili compositivi provenienti da parti diverse del mondo.

PROGRAMMA

CONCERTI
Giovedì 8 settembre, ore 15,30: Aeroporto di Alghero
Giovedì 8 settembre, ore 21,00: Basilica Santa Maria, Bonarcado
Venerdì 9 settembre, ore 10,30: Aeroporto di Olbia
Venerdì 9 settembre, ore 21: Basilica di S. Gavino, Porto Torres
Sabato 10 settembre, ore 19,00: Chiesa Nostra Signora del Rosario, Luras
Sabato 10 settembre, ore 21,30: Chiesa San Pietro Apostolo, Tempio Pausania
Domenica 11 settembre, ore 21,00: Basilica di S. Gavino, Porto Torres
Giovedì 15 settembre, ore 19,30: Torre Aragonese, Porto Torres
Venerdì 16 settembre, ore 21,00: Basilica di San Gavino, Porto Torres
Sabato 17 settembre, ore 21,00: Basilica di San Gavino, Porto Torres
Domenica 18 settembre, ore 21,00: Santuario dei SS. Cosma e Damiano, Mamoiada

MANIFESTAZIONI A COROLLARIO
Sabato 10 settembre    ore 11,00: Tavola rotonda sul tema del festival
        Palazzo del Marchese, Porto Torres
Venerdì 16 settembre    ore 17,00: Campagna Amica: area di somministrazione e fattoria didattica a cura della COLDIRETTI di Sassari
    Centro città, Porto Torres
    ore 18,00: 1a Edizione Infiorata Turritana “Porto Torres si fa bella”
        Centro città, Porto Torres
    ore 19,30: balli sardi eseguiti dal Gruppo Folk S. Maria Bambina (Nule) e Etnos Gruppo Folk Li Bainzini (Porto Torres)
        Piazza Umberto I, Porto Torres
ore 20,15: sfilata verso la basilica di San Gavino con la partecipazione dei gruppi folk, degli Sbandieratori e Musici della Città
    dei Candelieri (Sassari), dei Tamburini e Trombettieri Città di Porto Torres, del Coro Su Veranu (Fonni) e del Coro
    Ortobene (Nuoro).
    ore 21,00: Cena della Solidarietà e dell’Amicizia, a base di piatti tipici sardi
        Corso Vittorio Emanuele, Porto Torres
Sabato 17 settembre    dalle ore 09:00 alle 13:00: Matinée per le scuole
        Auditorium del Liceo Scientifico “Europa Unita”, Porto Torres

PARTECIPANTI AL FESTIVAL
-Grupo Vocal KEA - Tolosa (Spagna)
-Vokalna Skupina Vikra - Karst (Slovenia)
-Coro Giovanile Effetti Sonori - Foiano della Chiaia (Italia)
-Coro da Camerea del Conservatorio - Sassari (Italia)
-Coro Ortobene - Nuoro (Italia)
-Coro Femminile Su Veranu - Fonni (Italia)
-Coro Polifonico Su Condaghe - Bonarcado (Italia)
-Coro Polifonico Turritano - Porto Torres (Italia)
-Madrigalisti Turritani - Porto Torres (Italia)
-Gruppo Folk S. Maria Bambina - Nule (Italia)
-Sbandieratori e Musici della Città dei Candelieri - Sassari (Italia)
-Tamburini e Trombettieri Città di Porto Torres- Porto Torres (Italia)
-Etnos Gruppo Folk Li Bainzini - Porto Torres (Italia)

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo l'utente accetta l'uso dei cookies sul dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra pagina dedicata alla privacy policy.

  Accetto i cookies per questo sito.
EU Cookie Directive Module Information