La Fondazione di Sardegna assieme ad altre Fondazioni (Fondazione Cassa di Risparmio di La Spezia, Fondazione Livorno, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione della Banca del Monte di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara) ha sottoscritto il 27 Luglio scorso un Protocollo di Intesa, per costruire, in sinergia e condivisione, un progetto da inserire tra quelli che accederanno alle risorse Europee del Programma Transfrontaliero Italia – Francia 2014 – 2020.
Si tratta di un Programma di cooperazione territoriale, che mira a migliorare la collaborazione fra le aree transfrontaliere – comprese nello spazio marittimo e costiero dell’arco dell’alto tirrenico – in termini di accessibilità, di innovazione, di valorizzazione delle risorse naturali e culturali al fine di assicurare la coesione territoriale, e favorire nel tempo occupazione e sviluppo sostenibile.

Il Programma viene finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale per il periodo di programmazione 2014 – 2020 ed è dotato di un budget di oltre 160 milioni di Euro.
La ricerca dell’indispensabile partner francese, ha portato alla adesione al progetto della prestigiosa Fondazione dell’Università della Corsica.
Il Protocollo d’Intesa fra le sopracitate Fondazioni è orientato all’Asse 2 del Programma: che nello specifico mira alla protezione e valorizzazione delle risorse culturali ed ambientali con la possibilità di definire un progetto “strategico”, e persegue i seguenti obiettivi:

-    Creare un network che colleghi le Fondazioni individuate, attive nel settore della cultura all’interno del territorio di progetto, partendo e ruotando attorno agli eventi principali curati da ciascuna Fondazione;
-    Creare canali di scambio tangibili e intangibili di contenuti culturali e artistici e fornire occasioni di visibilità ad artisti, intellettuali e studiosi attivi sul territorio (tramite le piattaforme web, gli eventi e le attività culturali promosse dagli enti partner, anche in relazione ai “contenitori culturali” da tempo esistenti nella programmazione ordinaria dei singoli partner).
-    Incentivare la produzione di contenuti originali ed inediti, coinvolgendo anche le strutture formative (scuole ed Università) e le strutture produttive nella zona di pertinenza di ciascun partner.
-    Creare un legame attivo e stabile con gli Enti di governo del territorio.
-    Costruire un quadro di conoscenza e di valorizzazione del patrimonio culturale presente nell’area di cooperazione del Programma, con specifici progetti di intervento e recupero di beni immobiliare di proprietà dei partner di progetto o degli Enti Pubblici coinvolti, per la riqualificazione, prevista come ricaduta materiale degli interventi finanziati dal transfrontaliero.



Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo l'utente accetta l'uso dei cookies sul dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra pagina dedicata alla privacy policy.

  Accetto i cookies per questo sito.
EU Cookie Directive Module Information