Sardex, un piano da 3 milioni
Il circuito di credito commerciale si trasforma in una spa

Partendo dalla Sardegna, sono approdati in pochi anni in ogni angolo d'Italia. Con un progetto ambizioso e rivoluzionario: ridefinire le relazioni tra soggetti economici. Sardex cresce e si sviluppa. L'azienda diventa società per azioni, valorizza l'Isola (con il consolidamento della sede centrale a Serramanna) e “incassa” tre milioni di euro da nuovi soci per lo sviluppo del piano industriale.
La storia della moneta complementare e supplementare, capace di affiancarsi a quella tradizionale, è un racconto fortunato fondato su un prodotto innovativo e su una buona dose di lungimiranza «che ci ha consentito di scegliere in maniera ponderata i nostri soci e chiudere il round di investimenti con realtà che non rappresentassero solo solidi partner finanziari, ma anche e soprattutto soci istituzionali e industriali, tagliati su misura sulle esigenze di crescita del progetto», dicono i rappresentanti della società.
L'ingresso dei nuovi partner non modificherà la governance di Sardex che, quindi, resterà sotto il controllo dei suoi fondatori. «Sardex spa potrà contare su un dream team che sarà in grado nei prossimi 36 mesi di far maturare il progetto portandolo a consolidare i circuiti già partiti nella Penisola, lanciare la nuova piattaforma e i nuovi prodotti e cominciare con il mettere le basi per le prime aperture all'estero».
A questo scopo, Sardex spa organizzerà a breve un “recruiting day” durante il quale selezionerà nuove figure professionali per rafforzare il gruppo sia in Sardegna che nella Penisola.

La nuova squadra (con Innogest, Invitalia Ventures, Banca Sella Holding e Nice Group) «va ben oltre le più rosee aspettative e ci fa essere molto positivi sul futuro della nostra iniziativa», affermano i responsabili della società.
A ribadire, poi, il forte legame con l'Isola, c'è la presenza della Fondazione di Sardegna. «Con la Fondazione, infatti, sperimenteremo uno dei nuovi prodotti sviluppati da Sardex: un sistema innovativo di gestione dei fondi destinati al sostegno di iniziative sociali e culturali, che permetterà di tracciare e misurare impatto e efficacia di quest'ultimi nelle comunità e nei territori in cui vengono erogati».
Ma c'è di più. «La chiusura di questo round di finanziamento è il risultato di un percorso di ricerca per scegliere i partner più adatti che hanno dimostrato di credere nel nostro progetto per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati», spiega Roberto Spano, ad di Sardex. «Per quanto lunga sia la strada davanti a noi, la direzione intrapresa è senza dubbio quella giusta».

da: Unione Sarda del 12.04.2016 a firma di Mauro Madeddu

 

 

per ulteriori approfondimenti:

http://www.sardex.net/blog/nuovi-partner-e-3-milioni-di-euro-per-sardex/

http://www.economyup.it/startup/4108_sardex-come-funziona-la-moneta-virtuale-che-ha-raccolto-tre-milioni-di-euro.htm

 

 

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo l'utente accetta l'uso dei cookies sul dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra pagina dedicata alla privacy policy.

  Accetto i cookies per questo sito.
EU Cookie Directive Module Information