Porto Conte Ricerche è tra i partner del Progetto “Fine Feed For Fish - 4F”, risultato il primo progetto vincitore del bando AGER per l’acquacoltura.


Ager è un progetto di collaborazione tra Fondazioni di origine bancaria unite per promuovere e sostenere la ricerca scientifica nell’agroalimentare italiano, mettendo al centro della ricerca le produzioni italiane d’eccellenza e puntando al miglioramento dei processi e allo sviluppo di tecnologie d’avanguardia. L'obiettivo delle Fondazioni è il rafforzamento della leadership dell’agroalimentare italiano, preservando il delicato equilibrio tra rese produttive e sostenibilità ambientale delle filiere agricole.

Il Comitato di gestione del Progetto Ager (Agroalimentare e Ricerca), ha approvato la scorsa settimana la graduatoria dei progetti di ricerca scientifica ammessi ai finanziamenti, selezionandone soltanto 2 dei 25 ammessi alla valutazione.
Il progetto, presentato nel 2015 dall’Università degli Studi dell'Insubria, prevede la collaborazione di vari gruppi nazionali (le Università di Torino, Bicocca e Sassari, Porto Conte Ricerche, Parco Tecnologico Padano e Consorzio Italbiotec), a fianco dei quali collaborerà l’Università dell’Idaho.

Il tema della ricerca, che sarà focalizzata su trota iridea e spigola, è l’individuazione di nuove strategie alimentari attraverso la riduzione di farine e oli di pesce - oggi comunemente utilizzati - a favore di diete basate su fonti proteiche alternative (farine di avicoli e insetti). Sarà valutato l’impatto sulla qualità del prodotto finale e il suo benessere nutrizionale, nonché il contenimento dei costi di produzione e la riduzione dell’impatto ambientale degli allevamenti.  Elementi centrali della proposta progettuale sono, inoltre, la disseminazione e il trasferimento tecnologico al fine di supportare il comparto ittico nell’adozione di soluzioni ecocompatibili.


Il ruolo di Porto Conte Ricerche è legato alle competenze acquisite negli ultimi 10 anni nell'analisi proteomica e metabolomica, identificando e misurando biomarcatori di qualità delle materie prime per la mangimistica, e il loro impatto sulle performance di crescita del pesce allevato in termine di valore nutrizionale e aspetti sensoriali.

Infatti, il progetto risponde all’obiettivo, richiesto dal bando, di migliorare l’alimentazione dei pesci in allevamento, attraverso lo studio e la risoluzione delle problematiche derivanti dall’impiego di mangimi di origine vegetale o animale alternativi alla farina e all’olio di pesce tipicamente utilizzati in acquacoltura, ma la cui disponibilità è in costante diminuzione.

Per conoscere meglio l'impegno delle Fondazioni in Rete per la Ricerca in Agricoltura, tra le quali la Fondazione di Sardegna, è possibile visitare il sito dedicato: "Progetto Ager"

in particolare:

http://www.progettoager.it/index.php/blog-ager/item/146-progetti-finanziati-1-fine-feed-for-fish-studiare-la-digestione-dei-pesci-per-trovare-mangimi-innovativi

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo l'utente accetta l'uso dei cookies sul dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra pagina dedicata alla privacy policy.

  Accetto i cookies per questo sito.
EU Cookie Directive Module Information