“Il costo della verità” di Ottavio Olita

“Il costo della verità” di Ottavio Olita

Intorno a una parola importante quanto impegnativa come verità, ci sono tre dimensioni che Ottavio Olita ci presenta all’inizio di questo romanzo: libertà, rivoluzione, costo. “La verità vi farà liberi”, cita Olita dal Vangelo secondo Giovanni (cfr. Gv 8,32)………. L’autore riprende una citazione di Antonio Gramsci, secondo la quale la verità è sempre rivoluzionaria. Siamo abituati a pensare a una rivoluzione che presuppone eroi: il vero “eroismo”, nella ricerca della verità, è quello - ordinario ma tanto difficile - di agire secondo coscienza. Penso a tutti coloro che sono morti per mano della criminalità organizzata solo perché facevano il loro dovere: ci hanno insegnato con la loro vita che il bene personale è conseguenza del bene comune. Che non si può essere cittadini a intermittenza, a compartimenti stagni. Che la prima mafia si annida nell’indifferenza, nella superficialità, nel quieto vivere, nel puntare il dito senza far nulla, nel vedere il male e girarsi dall’altra parte. La loro è dunque un’eredità d’impegno, di responsabilità, di risveglio delle coscienze. Cioè di verità. Ci hanno insegnato a cercarla, a non averne paura, a dirla anche quando ci mette in una posizione scomoda. È la verità cercata per ottenere giustizia quella di cui Olita ci parla nel suo romanzo, il cui protagonista non è solo Pietro Carboni, il giovane sardo che dopo l’uccisione del padre Marco trova lavoro a Londra, vivendo in una sorta di doppio esilio: esiliato dalla verità circa la morte del padre, esiliato dalla propria terra per cercare lavoro altrove. Protagonista e perno della vicenda è la rete di persone e relazioni che circonda Pietro: la sorella Maria, la mamma Antonietta, lo zio Paolo, l’avvocato Giuliano Deffenu, il carabiniere Gino Murgia, il giornalista Nicola Auletta. L’eroe della verità non è una persona sola, è piuttosto un noi, è una collettività quasi domestica ad innescare la rivoluzione, a riaprire ricordi e ferite sette anni dopo l’assassinio di un padre di famiglia, persona onesta, lavoratore e sindacalista. Lo riconosce uno dei personaggi, a conclusione della storia: “L’unica cosa che mi sento di dirvi (…) è che questa vicenda è servita anche a farci rendere conto di quante famiglie vengono sconvolte dalla perdita del capofamiglia caduto mentre si impegna per il bene collettivo. Famiglie rovinate. Per fortuna non è il vostro caso, ma forse siete un’eccezione. Tenetevi stretto questo bel rapporto che avete fra voi”. don Luigi Ciotti

Related

Anna Tifu in concerto

Sassari giovedì 2 maggio, ore 20 Sala conferenze della Fondazione di Sardegna, via Carlo Alberto 7 Oristano sabato 4 maggio, ore 20 Centro Servizi Culturali - UNLA, via Vittore Carpaccio, 9 Cagliari venerdì 10 maggio, ore 20 Sala conferenze della Fondazione di Sardegna, via San Salvatore da Horta, 2 Nuoro sabato 11 maggio, ore 20 Teatro Eliseo - via Roma, 73

Leggi tutto

Monologo teatrale "Gramsci spiegato a mia figlia"

Sassari, mercoledì 24 aprile 2019 dalle ore 18.00 alle 20.00, sala conferenze della Fondazione di Sardegna via Carlo Alberto 7. Cagliari, martedì 30 aprile 2019 dalle ore 19.00 alle 21.00, sala conferenze della Fondazione di Sardegna in via San Salvatore da Horta 2.

Leggi tutto

Rimani sempre aggiornato sugli eventi della Fondazione